La posizione di guida

La posizione di guida del conducente fa parte della sicurezza del veicolo; la sicurezza è attiva quando aumenta la possibilità di evitare un incidente (es: stabilità e frenata) e passiva quando ormai l’incidente è avvenuto contenendo i danni ai passeggeri (es: airbag e citure di sicurezza).

La sicurezza inizia dall’interno dell’autoveicolo che deve essere accogliente per permettere una posizione corretta e confortevole  che non affatichi  la muscolatura, consentendo così una buona visibilità verso l’esterno; una guida scomoda o scomposta non consente un’immediata reazione agli imprevisti.

Riportiamo qui di seguito la miglior procedura da seguire per una buona, comoda e pratica guida:

  1. regolate la vostra seduta in modo da poter schiacciare il pedale della frizione mantenendo il ginocchio leggermente piegato;
  2. regolate lo schienale reclinando un poco in modo che le spalle vi possano aderire completamente..;
  3. la giusta distanza dal volante si controlla poggiando i polsi sulla parte superiore dello sterzo mantenendo le spalle aderenti allo schienale; in questa posizione le braccia devono rimanere leggermente flesse;
  4. il poggiatesta deve essere regolato in modo che la sua sommità coincida con la linea superiore della testa, cercando di mantenere al minimo la distanza dalla nuca;
  5. la cintura di sicurezza deve essere ben serrata attorno al corpo con la fascia diagonale che passa al centro dalla spalla e la parte addominale posizionata all’altezza delle ossa del bacino.

Per far in modo che in caso di collisione gli airbag fuoriescano senza colpire il viso del conducente, la distanza del busto dal volante deve essere di almeno 35 cm con l’utilizzo solo di occhiali infrangibili (da vista o da sole) o lenti a contatto.